Storia fotografica delle biblioteche

10 immagini fantastiche da un libro che mostra come sono cambiati negli ultimi duemila anni gli edifici in cui conserviamo e collezioniamo i libri

The Library, A World History, pubblicato dalla casa editrice Thames & Hudson, è un libro che racconta attraverso splendide fotografie com’è cambiato il modo di concepire e realizzare le biblioteche dall’antichità ai giorni nostri. Il libro è realizzato dall’architetto James Campbell – professore emerito in Architettura e storia dell’arte al Queens’ College di Cambridge – e da Will Pryce, tra i più importanti fotografi di interni e opere architettoniche. Negli ultimi tre anni Campbell e Price hanno fotografato e raccolto informazioni su 84 biblioteche in 21 paesi diversi, realizzando una sorta di catalogo delle più importanti biblioteche al mondo: pubbliche, private, universitarie.

Il libro mostra come le biblioteche non siano soltanto edifici in cui vengono conservati o collezionati i libri, bensì opere d’arte complesse che uniscono architettura, pittura, design e scultura. Il modo in cui sono state progettate nel corso dei secoli e nei vari paesi riflette gli interessi, le priorità e le preoccupazioni delle società che le hanno progettate: da quel che resta della biblioteca di Celso – la biblioteca antica meglio conservata, costruita in Turchia nel 135 d.C. – a quella di LiYuan, a due ore da Pechino, terminata nel 2011, la cui facciata è completamente rivestita di rami.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.