• Cultura
  • giovedì 12 dicembre 2013

La città dei navigli

Le vecchie fotografie di Arnaldo Chierichetti raccontano Milano tra le due guerre e la vita quotidiana di una città in trasformazione

Venerdì 13 dicembre sarà inaugurata a Milano la mostra “Milano tra le due Guerre, Alla scoperta della città dei Navigli attraverso le fotografie di Arnaldo Chierichetti” che raccoglie 140 opere di un fotografo conosciuto in città per il suo negozio di ottica nella zona di Porta Romana e per essere stato uno dei primi fotoreporter milanesi. Attivo soprattutto nei primi del Novecento, Chierichetti seguì con grande interesse le trasformazioni urbane di Milano, raccontando con le sue fotografie i mutamenti di alcuni quartieri e le loro scene di vita quotidiana, lasciando tracce importanti di angoli di città ormai scomparsi.

Nelle fotografie di Chierichetti un soggetto ricorrente sono i navigli, il sistema di canali navigabili e per l’irrigazione costruito a partire dal XII secolo per mettere in comunicazione il lago Maggiore, quello di Como e la zona del basso Ticino con Milano, in modo che la città potesse essere collegata con la Svizzera, parte dell’Europa nordoccidentale e più a sud verso il mare grazie alla confluenza nel Po. Chierichetti fotografò soprattutto la cosiddetta “cerchia dei navigli”, quella presente a Milano che consentiva all’intero sistema di funzionare e basata in buona parte sul percorso del fossato difensivo della città in epoca medievale.

Dopo secoli di utilizzo, verso la fine dell’Ottocento furono approvati i primi piani per la progressiva copertura dei canali di Milano, iniziative molto dibattute che richiesero decenni prima di concretizzarsi nell’effettivo avvio dei lavori. La copertura fu resa necessaria dal cambiamento dei sistemi di trasporto e dall’evoluzione della città, che richiedeva nuovi spazi e strade per mettere in comunicazione i suoi quartieri. Ancora oggi si discute, ciclicamente, sulla possibilità di riaprire le “vie d’acqua” di Milano, ma la mancanza di risorse economiche ha portato a continui rinvii. Un’opportunità per la riapertura potrebbe essere data dall’Expo 2015.

Gli oltre 1800 fototipi di Chierichetti, su soggetti vari, costituiscono un importante archivio conservato dal Polo Raccolte Storiche e Case Museo. La mostra, con accesso gratuito e allestita nelle sale di palazzo Morando, è promossa dal comune di Milano ed è curata da Stefano Galli. Sulla pagina Facebook della mostra ci sono diverse informazioni e suggerimenti per informarsi anche rispetto ai temi contemporanei che riguardano la riapertura dei navigli.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.