• Mondo
  • lunedì 9 Dicembre 2013

I 132 matrimoni gay a Rio de Janeiro

Le foto della grande cerimonia collettiva che si è tenuta domenica grazie al giudizio di una corte di giustizia brasiliana

Domenica 8 dicembre a Rio de Janeiro, seconda città del Brasile per numero di abitanti, si sono celebrati per la prima volta dei matrimoni tra persone dello stesso sesso: 132 coppie gay si sono sposate in un tribunale della città, tutte insieme, con una cerimonia collettiva. In Brasile in realtà non esiste alcuna legge che permette alle coppie gay di sposarsi: dal 6 maggio 2011 sono permesse le unioni civili, grazie a una decisione della Corte Suprema brasiliana. Ma lo scorso 14 maggio il Consiglio nazionale di giustizia – l’organo di controllo del potere giudiziario in Brasile – ha stabilito che le istituzioni pubbliche autorizzate a celebrare il matrimonio civile non avrebbero più potuto rifiutarsi di sposare le coppie gay. Di fatto la decisione del tribunale brasiliano ha legalizzato i matrimoni gay. La decisione del Consiglio nazionale di giustizia si è applicata a tutto il territorio nazionale. Prima di allora ogni stato brasiliano decideva in autonomia se celebrare o meno i matrimoni gay, e Rio de Janeiro era tra gli stati contrari.