• Cultura
  • venerdì 29 novembre 2013

Un altro novembre è possibile

Una raccoltona fotografica delle immagini più colorate e splendenti di questo mese, per farsi passare la tristezza da grigiore autunnale

Uno pensa a novembre e pensa istintivamente – un po’ per abitudine e un po’ con buoni argomenti – a un mese grigio e nebbioso, agli alberi spogli, al cielo che diventa cupo e opprimente. Persino i vestiti delle persone tendono ad appiattirsi cromaticamente tra le varie sfumature del grigio e del marrone. Qualcuno ne è sollevato, di essere fuori da quella cafoneria cromatica estiva. Per altri il passaggio è stato forse troppo brusco: per loro ci sono queste immagini del mondo a novembre, tutte fantasticamente chiare o colorate. Si va dagli alberi bianchissimi ricoperti di neve a Sochi, in Russia, al giallo dei dolci tipici venduti in una bancarella afghana; dall’installazione di luci blu che ha illuminato il Monte dei Cappuccini a Torino al rosso intenso di un torii, il tradizionale ingresso a un tempio scintoista giapponese, che spicca sul profilo scuro di un bosco, col monte Fuji innevato, in lontananza. Un altro novembre è possibile.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.