• Video
  • venerdì 25 ottobre 2013

Dieci cose che non sapete sui Simpson

– I Simpson sono stati fatti gialli perché così sarebbero stati riconoscibili istantaneamente a chi fa zapping tra i canali. Tutti i personaggi hanno quattro dita, tranne Dio e Gesù.

– I Simpson sono il più longevo show sceneggiato trasmesso in prima serata, ed è lo show con più guest star di sempre (più di 600 in 532 episodi)

– Il produttore James L. Brooks è riuscito ad ottenere un particolare (e raro) accordo con Fox che toglie a Fox qualsiasi controllo creativo sullo show (ecco perché viene presa in girò così apertamente, in alcuni episodi).

– Il valore di Maggie quando veniva passata allo scanner della cassa durante la sigla era 847.63 $. Nel 1989 era la spesa media mensile per crescere un bambino.

– “D’Oh” è nato così.

– La madre di Groening si chiamava Margaret (Marge) Wiggum (Wiggum è il cognome del commissario Winchester nella versione originale). Margaret Wiggum sposò Homer Groening. Ebbe cinque figli: Patty, Mark, Matt, Lisa e Maggie. Anche la sorella di Margaret Wiggum si chiamava Patty.

– Nella versione in arabo, Homer si chiama Omar Shamshoon, beve bibite gasate invece che Duff e mangia salsicce egiziane di manzo. Tutte le sequenze al bar di Moe vengono tagliate.

– I doppiatori dei 6 personaggi principali hanno recentemente subito una decurtazione di stipendio. Da 400.000 dollari a episodio a 300.000.

– Quando era first lady Barbara Bush dichiarò durante un’intervista «I Simpson sono la cosa più stupida che io abbia mai visto». “Marge Simpson” le rispose, e le fece cambiare idea.

– Groening creò I Simpson pochi minuti prima di un meeting con la produzione. Non voleva perdere i diritti del suo fumetto “Life in Hell”, quindi si inventò qualcos’altro.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.