La risposta di Barbara Bush a Marge Simpson

Nel 1990, a un anno dal debutto dei Simpsons, Barbara Bush aveva dichiarato durante un’intervista «I Simpson sono la cosa più stupida che io abbia mai visto».
Lo staff di produzione dei Simpson aveva deciso di scriverle una lettera, firmata Marge Simpson e pubblicata sul Washington Post, che diceva:

Cara first lady,
Recentemente ho letto un tuo giudizio critico sulla mia famiglia che mi ha ferito molto. Sa il cielo che siamo molto lontani dall’essere perfetti, e a dire la verità, siamo molto lontani dalla normalità […]
Io però cerco di insegnare ai miei bambini Bart, Lisa e anche alla piccola Maggie di dare sempre a tutti il beneficio del dubbio e non parlare male delle persone, anche se sono ricche. È difficile farglielo capire quano anche la First Lady non solo ci chiama stupidi, ma dice anche che siamo la cosa più stupida che lei abbia mai visto. Signora, se noi siamo la cosa più stupida che lei abbia mai visto, Washington deve essere parecchio diversa da quello che mi dicono al gruppo di attualità della chiesa.
Ho sempre creduto che io e lei abbiamo molto in comune, entrambe viviamo accanto ad un uomo eccezionale. Spero che ci sia un modo per uscire da questa incomprensione. Ho pensato che un primo passo fosse quello di dirle quello che pensavo.
Con grande rispetto,
Marge Simpson

Dimostrando un certo senso dell’umorismo, Barbara Bush aveva risposto in modo cordiale alla lettera:

Cara Marge,
sei stata molto gentile a scrivermi. Sono contenta che tu abbia espresso i tuoi pensieri. Stupidamente non pensavo potessi averne.
Sto guardando una tazza decorata con una vostra immagine. Nella figura i tuoi capelli blu sono pieni di uccellini rosa. Evidentemente tu e la tua deliziosa famiglia – Lisa, Homer, Bart e Maggie – siete in campeggio. È una scena familiare molto carina. È chiaro che siete un bell’esempio per il paese.
Ti prego di perdonarmi se mi sono lasciata andare e ho parlato senza pensare.
Con affetto
Barbara Bush
P.s. Homer è proprio un bell’uomo!

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.