• Mondo
  • mercoledì 7 agosto 2013

Le foto dell’aeroporto di Nairobi

Un grosso incendio ha distrutto l'area degli arrivi

Alle cinque del mattino di mercoledì 7 agosto (in Italia erano le quattro) si è sviluppato un grande incendio nell’area degli arrivi dell’aeroporto internazionale “Jomo Kenyatta” di Nairobi, la capitale del Kenya. Un’impressionante nuvola nera di fumo si è diffusa sopra l’aeroporto ed è ancora visibile a diversi chilometri di distanza. Il ministro dei Trasporti, Micheal Kamau, ha detto che l’incendio è stato molto grande – i vigili del fuoco lo hanno spento dopo diverse ore  – e che le autorità hanno evacuato l’intero aeroporto. I voli internazionali sono stati ripristinati circa 24 ore dopo e si appoggeranno su un’altra struttura.

Diversi siti di news hanno riportato che l’incendio potrebbe essersi sviluppato dagli uffici dell’immigrazione dell’aeroporto, anche se non ci sono state ancora dichiarazioni ufficiali da parte delle autorità di Nairobi. L’aeroporto è stato chiuso fino a che le squadre di emergenza non hanno spento tutto il fuoco, hanno detto i funzionari aeroportuali, e gli aerei in arrivo e in partenza sono stati dirottati su altri aeroporti. L’incendio si è propagato in gran parte della struttura anche a causa del ritardo nell’arrivo dei vigili del fuoco. Le ali degli arrivi nazionali e dei voli cargo sono state riaperte, ma migliaia di viaggiatori sono rimasti a terra.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.