Betty Grable, la pin-up

È morta 40 anni fa dopo essere stata affissa a migliaia di armadietti di soldati americani e aver chiuso la carriera di attrice in Come sposare un milionario

Il 2 luglio del 1973 morì per un tumore ai polmoni Betty Grable. Era stata un’attrice, una cantante di musical e una ballerina. Ma sopratutto era stata la più grande di tutte le pin-up dell’era delle pin-up: le sue fotografie scattate negli anni ’40 erano appese (pin-up vol dire appendere con una puntina) in migliaia di armadietti dei soldati americani impegnati nella Seconda guerra mondiale e poi nella Guerra di Corea, mentre i piloti la dipingevano sulle carlinghe dei proprio aeroplani. Era famosa per le sue gambe, che si raccontava fossero state assicurate da uno studio di Hollywood per un milione di dollari.

Betty Grable era nata nel 1916 e aveva cominciato a recitare a 12 anni. Nel 1939, dopo una serie di film a basso budget ma con un buon successo, recitò nel film Million dollar legs (“Le gambe da un milione di dollari”), che contribuì a darle la fama di cui sopra. Dopo quel film venne messa sotto contratto della 20th Century Fox, uno degli studi più importanti di Hollywood. Nei dieci anni successivi girò più di 20 film, quasi tutti musical e quasi tutti con un grande successo di pubblico. In quegli anni, mentre la fama di attrice musicale cresceva, le sue fotografie da appendere seguivano ovunque l’esercito americano (nel 1944 uscì Pin Up Girl, “La fidanzata di tutti” in italiano).

Negli anni ’50 la sua carriera cominciò a rallentare. Rimase intrappolata nel ruolo di cantante di musical e ballerina e quando il genere musicale cominciò a declinare, non riuscì a riciclarsi come attrice soltanto di prosa. Nel 1952 girò Come sposare un milionario, dove recitava insieme a Marilyn Monroe e Lauren Bacall: il terz’ultimo film della sua carriera e il più celebre per cast e successo. Negli anni successivi lavorò nei teatri di Broadway, dove ottenne un grosso successo con due spettacoli musicali: Bulli e pupeHello Dolly. Alla fine degli anni ’50 si ritirò: morì che aveva solo 56 anni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.