‘ndrangheta, nel reggino operazione contro cosche: 23 arrestati

Reggio Calabria, 13 giu. (LaPresse) – I carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria hanno arrestato 23 persone ritenute appartenenti alla cosca ‘Ascone’, operante a Rosarno (Rc) e territori limitrofi, responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso e reati collegati tipici dei sodalizi criminali. L’attività d’indagine rientra in una più ampia investigazione (AllInside e All Clean) sulle cosche di ‘ndrangheta operanti nel territorio della città di Rosarno, che ha già portato all’esecuzione di altri provvedimenti restrittivi e di sequestro beni.

L’indagine ha accertato come i ‘Pesce’ ed i ‘Bellocco’ costituiscano tuttora due poli intorno ai quali gravitano altre cosche, ad esse collegate sia da legami di parentela che da cointeressenze affaristiche. È emerso che non si tratta di poli contrapposti, ma ognuno dei due sodalizi costituisce baricentro di interessi di tipo economico e criminale e sono intervenute per ricomporre gli attriti creatisi tra le cosche satelliti, come avviene per le cosche Ascone e Sabatino, legate rispettivamente ai Bellocco ed ai Pesce.

Pubblicato il 13 giugno 2013
© Copyright LaPresse – Riproduzione riservata

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.