Vite di skaters

Il reportage di Asbjørn Sand che l'anno scorso ha vinto il concorso sulla felicità del festival di Cortona (e quest'anno si replica)

Asbjørn Sand, giovane fotogiornalista danese, racconta storie legate sui giovani e la sua città, Copenaghen. Nella serie di fotografie Roll Whatever Sand documenta la vita, le avventure e le persone che ruotano attorno alla comunità di skaters del suo quartiere, ragazzi con cui ha passato molto tempo. La storia racconta la continua ricerca di un luogo dove fare skate: prima una fabbrica vuota ed abbandonata da cui poi vengono sgomberati, poi il retro di un vecchio hotel.

Il reportage è stato portato avanti per circa quattro anni. Il gruppo è fotografato da un punto di vista personale e intimo: Asbjørn Sand è lì e vive i momenti sia da fotografo che da membro di una comunità speciale.

L’anno scorso questo progetto ha vinto il premio internazionale proposto dal festival di fotografia di Cortona ONTHEMOVE “Tenimenti D’Alessandro”. Il tema del concorso è la felicità, l’anno scorso hanno partecipato al premio più di 750 lavori da 96 paesi: la giuria scelse quello di Sand “per aver saputo interpretare in maniera creativa e personale il tema del concorso”.

Anche quest’anno il festival propone questo premio. Una giuria internazionale composta da Lucy Conticello (M le magazine du Monde), Jorg M Colberg (Coscentius), Magdalena Herrera (Geo France) Gaia Tripoli (International Herald Tribune), Giulia Ticozzi (Il Post), Marion Durand (Newsweek), Arianna Rinaldo (direttore artistico Cortona On The Move), Antonio Carloni (associazione culturale ONTHEMOVE), sceglierà il migliore tra i progetti inviati, che si aggiudicherà un premio di 4.000 euro. È possibile presentare i propri lavori fino al 20 giugno, per ogni chiarimento circa le modalità di iscrizione è necessario consultare il sito del festival.

Il Post seguirà con una pagina speciale dedicata alla fotografia le novità legate a Cortona on the move mostrando i lavori delle edizioni passate, e proponendo materiali, articoli e contenuti sulla fotografia in generale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.