Berlusconi è indagato a Napoli

Per corruzione e finanziamento illecito, in relazione al passaggio del senatore De Gregorio dall'IdV al PdL nel 2006

Silvio Berlusconi è indagato dalla procura di Napoli per corruzione e finanziamento illecito, in merito a una vicenda avvenuta nel 2006: l’ipotesi dei pm, Vincenzo Piscitelli e Henry John Woodcock, è che Berlusconi abbia pagato tre milioni di euro al senatore Sergio De Gregorio per il suo passaggio dall’IdV al PdL.

Silvio Berlusconi è indagato dalla Procura di Napoli. L’ipotesi di reato è corruzione e finanziamento illecito, relativa a una vicenda di compravendita di senatori nel 2006, all’inizio della legislatura. In particolare ci si riferisce alla erogazione di somme di denaro, quantificate in tre milioni di euro, al senatore Sergio De Gregorio in relazione al suo passaggio dall’Idv al Pdl.

IL POOL DI INDAGATI
L’inchiesta è condotta da un pool di magistrati di due sezioni della Procura del capoluogo campano, quella sui reati contro la pubblica amministrazione e la Direzione distrettuale antimafia. Indagano i pm Vincenzo Piscitelli e Henry John Woodcock, titolari dell’inchiesta che nello scorso anno portò al coinvolgimento del senatore De Gregorio, nonché i pm della Dda Francesco Curcio, Alessandro Milita e Fabrizio Vanorio. In mattinata sono stati notificati avvisi agli indagati.

GLI ALTRI INQUISITI
In concorso con Berlusconi sono indagati anche Sergio De Gregorio e Valter Lavitola.

(continua a leggere sul sito di Repubblica)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.