Il nuovo disco di Nick Cave in streaming

Si chiama "Push the Sky Away" ed esce il 19 febbraio, ma si può già ascoltare in anteprima sul Post

Il 19 febbraio uscirà “Push the Sky Away”, il quindicesimo disco di Nick Cave & The Bad Seeds. È il primo disco registrato senza Mick Harvey, cofondatore del gruppo, che ha lasciato la band nel 2009 dopo vent’anni di collaborazione con Cave. Suonavano insieme già nel primo gruppo di Nick Cave, i The Birthday Party, quando, all’inizio degli anni’80, Cave ancora abitava in Australia, dov’era nato. Poi si è trasferito a Berlino e a Londra, e ha vissuto in Brasile. Ne scriveva Luca Sofri, il peraltro direttore del Post, nel suo libro Playlist: “Se lo trova la famiglia Addams, lo adotta. Magro, tetro, nero, con vocione lugubre e affascinante, piace parecchio alle ragazze e fa il cantautore australiano trapiantato prima a Berlino e poi in Inghilterra, ma anche il poeta e romanziere. Ha una band importante quasi quanto lui, i Bad Seeds. In giro nessuno sa una sua canzone, e nessuno mai la saprà. Però ne ha scritte, e belle: tutte molto lugubri”.
Con i Bad Seeds, Nick Cave ha pubblicato 14 dischi e due con il suo altro gruppo, i Grinderman (ha anche scritto due romanzi e due raccolte di poesie). Nel 2000, tra le altre cose, ha vinto il Premio Tenco. Ha recitato in tre film (di cui uno è Il Cielo sopra Berlino di Wim Wenders, dove compariva nella parte di se stesso), oltre a scrivere tre colonne sonore e due sceneggiature.

“Push the Sky Away” è stato anticipato da due singoli, We No Who U R e Jubilee Street. Da oggi si può ascoltare in streaming online, in anteprima sul Post.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.