• Mondo
  • venerdì 4 gennaio 2013

La festa di Fatah a Gaza

Le foto delle tantissime persone che hanno celebrato l'anniversario della fondazione del partito palestinese cacciato da Hamas nel 2007

Centinaia di migliaia di palestinesi hanno festeggiato oggi a Gaza i 48 anni della fondazione del partito Fatah: le persone sventolavano le bandiere gialle e nere del partito e reggevano foto del leader Mahmoud Abbas. Si tratta della prima grande manifestazione di sostenitori di Fatah nella Striscia di Gaza dal 2007, quando i leader di Hamas cacciarono dal territorio le forze del partito.

Secondo i funzionari di Fatah, ai festeggiamenti hanno partecipato circa 500 mila persone, mentre per Hamas – il partito rivale che governa la Striscia di Gaza – i manifestanti sono stati 200 mila. Ai festeggiamenti di Gaza hanno partecipato molti leader di Fatah e sostenitori del partito provenienti da altre città. Abbas non ha preso parte alla manifestazione, ma ha inviato un video registrato di un suo discorso, che è stato proiettato su un maxischermo. Abbas ha detto, tra le altre cose, che «la vittoria è vicina e ci incontreremo a Gaza nel prossimo futuro. Gaza è stato il primo territorio palestinese libero dall’occupazione e dalle colonie israeliane e vogliamo una revoca del blocco così che possa essere libera e collegata al resto della nazione».

A marzo 2006 Hamas aveva vinse le elezioni legislative mettendo per la prima volta in minoranza Fatah. Da allora i rapporti tra i due partiti peggiorarono sempre di più, soprattutto a causa dal diverso approccio verso Israele: l’islamista Hamas è contraria ad abbandonare la lotta armata e a riconoscere Israele mentre Fatah, più secolare, è favorevole a un accordo. A dicembre Abbas, presidente dell’Autorità nazionale palestinese, ordinò lo scioglimento del governo e indisse nuove elezioni, ma Hamas lo accusò di voler ribaltare in modo autoritario il risultato delle elezioni. Le tensioni tra le due fazioni aumentarono sempre di più e sfociarono spesso in sparatorie e violenze, in cui morirono decine di persone. Tra il 7 e il 15 giugno le forze di Hamas cacciarono quelle di Fatah dalla Striscia di Gaza, e ne assunsero il controllo definitivo. Secondo la Croce rossa internazionale, nel conflitto morirono almeno 118 persone e più di 550 restarono ferite. Da allora Fatah governa la Cisgiordania mentre Hamas si è imposto a Gaza. Nel 2011 Abbas e il leader di Hamas Khaled Meshaal hanno firmato un accordo di riconciliazione al Cairo, in Egitto, che però non è stato ancora attuato.

Negli ultimi tempi, soprattutto dopo gli scontri con Israele dello scorso novembre, i due gruppi si sono lentamente riavvicinati. Il mese scorso Fatah ha permesso ai sostenitori di Hamas di festeggiare l’anniversario della fondazione del movimento in Cisgiordania, e oggi Hamas ha concesso lo stesso. In un discorso durante una visita a Gaza il mese scorso Meshaal ha detto che è urgente «la riconciliazione e l’unità nazionale dei capi palestinesi. La Palestina è per tutti noi, siamo alleati in questa nazione. Hamas non può farcela senza Fatah e Fatah non può farcela senza Hamas». Fatah venne fondato nel 1965 da Yasser Arafat, che lo guidò fino alla morte, nel 2004, quando gli successe Abbas. È il più grande partito tra quelli che costituiscono l’Organizzazione per la liberazione della Palestina, l’organizzazione armata che si propone di realizzare la liberazione della Palestina dall’occupazione israeliana.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.