• Cultura
  • martedì 25 dicembre 2012

I fotografi e Instagram

Tra le polemiche dei giorni scorsi sulla proprietà e l'uso delle immagini condivise, sempre più spesso professionisti e agenzie lo usano per i reportage più vari

Il servizio online Instagram, che offre a chiunque filtri per migliorare e cambiare le proprie fotografie e l’opportunità di condividerle in rete, è ormai da molto tempo un pezzo del panorama dei social network più diffusi e popolari. Tanto che la settimana scorsa una discussione sull’uso e la proprietà delle foto che Instragam aveva ritenuto leciti ha generato molta agitazione e polemiche, fino a che Instagram ha deciso di cambiare l’impostazione proposta.
A dimostrazione del rilievo anche artistico e professionale che i filtri di Instagram e di altri servizi simili – come Hipstamatic o Snapseed – ormai hanno assunto, il loro uso si è esteso anche a molti fotografi professionisti (con scandalo di altri loro colleghi) e ormai le stesse agenzie di stampa diffondono spesso immagini prodotte appunto con Instagram. Sia per reportage originali che per eventi già molto coperti con i sistemi di fotografia tradizionale.

La prima foto su Instagram
– Luca Sofri: Tre anni con Hipstamatic

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.