• Cultura
  • venerdì 14 Dicembre 2012

10 dischi di musica classica del 2012

Li ha scelti Alex Ross, grande esperto e critico del New Yorker, come consigli per i regali di Natale

Alex Ross, critico di musica classica del New Yorker ed esperto stimato in tutto il mondo (autore di alcuni libri pubblicati anche in Italia) ha compilato per il New Yorker una lista di “dieci registrazioni notevoli del 2012” (qui avevamo raccolto quelli del 2010): che “può essere d’aiuto per il regalo di natale alla vostra nipote decadente devota a Wagner”.

1) Drama Queens: Arie da Orlandini, Porta, Handel, Hasse, Cesti, Keiser, Monteverdi, Giacomelli, and Haydn; Joyce DiDonato, Alan Curtis dirige Il Complesso Barocco (Virgin Classics).

2) Berg and Beethoven, Concerti per violino; Isabelle Faust, Claudio Abbado, Orchestra Mozart (Harmonia Mundi).

3) Schubert, “Winterreise; Florian Boesch, Malcolm Martineau (Onyx Classics).

4) Bach, La Passione secondo Matteo; Mark Padmore, Christian Gerhaher, Magdalena Kozena, Topi Lehtipuu, Thomas Quasthoff; Simon Rattle dirige la Filarmonica di Berlino e la Rundfunkchor Berlin, regia di Peter Sellars (Berlin Philharmonic DVD).

5) Wagner, Tristano e Isotta; Nina Stemme, Stephen Gould, Kwangchul Youn, Michelle Breedt, Johan Reuter, Marek Janowski conduce la Deutsches Symphonie Orchester Berlin. (PentaTone).

6) Vivaldi, Concerti per fagotto, Vol. 2; Sergio Azzolini, L’Aura Soave Cremona (Naïve).

7) “endBeginning”: Opere di Brumel, Crecquillon, Clemens non Papa, Josquin, Jackson Hill; New York Polyphony (BIS).

8) Kristin Norderval, “Aural Histories” (Deep Listening)

9) Feldman, “Crippled Symmetry”; Eberhard Blum, Jan Williams, Nils Vigeland (frozen reeds).

10) Ligeti, Etudes Books I and II, Beethoven, Sonata Opera 111; Jeremy Denk (Nonesuch).

Miglior libro di musica dell’anno The First Four Notes: Beethoven’s Fifth and the Human Imagination di Matthew Guerrieri
Miglior colonna sonora dell’anno: composta da Jóhann Jóhannsson per il film The Miners’ Hymns di Bill Morrison.

Foto: Ben Pruchnie/Getty Images

Alex Ross e Alessandro Baricco: Il marketing della musica colta