• Media
  • venerdì 7 dicembre 2012

Le scuse della redazione del Financial Times Deutschland

La foto dei giornalisti che si scusano per gli scarsi risultati ma dicono che "rifaremmo tutto allo stesso modo"

L’uscita dell’ultimo numero dell’edizione tedesca del Financial Times (diventato per l’occasione Final Times), costretto a chiudere perché in 12 anni di attività ha accumulato perdite per oltre 250 milioni di euro, ha spinto il direttore e i redattori a pubblicare una foto che li mostra inchinati davanti ai lettori. Nella didascalia si legge:

“Cari azionisti, scusateci per aver bruciato tanti milioni. Cari inserzionisti, scusateci per gli articoli critici nei confronti delle vostre aziende. Cari addetti stampa, scusateci per non aver seguito i vostri suggerimenti redazionali. Scusateci, cari politici, per non aver avuto fiducia in voi. Scusateci, cari colleghi, per le notti e i fine settimana passati a lavorare. Scusateci, cari lettori, se queste sono le ultime righe dell’FTD che leggete. Ci scusiamo senza riserve. Ma se dovessimo ricominciare da capo rifaremmo tutto allo stesso modo.”

foto: Carsten Koall/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.