• Politica
  • Questo articolo ha più di dieci anni

Perché il governo lavora di notte?

Se lo chiede Paolo Rastelli sul Corriere, mettendo in dubbio che alle due del mattino si possa avere grande lucidità e dandosi anche una risposta

Ieri il Consiglio dei ministri è iniziato alle 18.30 e si è concluso quasi otto ore dopo, alle 2.20 del mattino del giorno dopo. Paolo Rastelli in un articolo sul sito del Corriere – pubblicato significativamente alle 3.03 di notte – si chiede perché, per prendere decisioni così complesse, non si possa iniziare l’incontro la mattina presto: in un paese normale, di notte si dorme e di giorno si lavora. Forse, si chiede il giornalista, “viene il dubbio che tutto ciò sia voluto”.

Il Consiglio dei ministri di martedì notte si è riunito per mettere a punto una legge di stabilità (che meno pudicamente potremmo chiamare manovra, nonostante le infinite smentite degli ultimi mesi) che prevede interventi per la bellezza di 11,6 miliardi. Si è riunito verso le 18,30 e l’approvazione è arrivata all’1,15, ossia quasi sette ore dopo. D’altronde l’argomento è di quelli pesanti (sono previsti anche tagli inevitabilmente dolorosi) ed è logico che ci voglia tempo. Una maratona certo faticosa, resa ancora più lunga dal fatto che non è finita qui: subito dopo il governo si è messo a discutere della riforma del titolo V della Costituzione, quello sul federalismo, altro argomento non proprio dei più agevoli da discutere a notte inoltrata e che è stato approvato intorno alle 2,20. E allora ce la facciamo la domanda da 100 miliardi di dollari: perchè non cominciano prima? Perchè non evitano queste non stop a botte, si immagina, di caffè e panini?

Non è la prima volta che il governo Monti si produce in queste non stop: nel luglio di quest’anno l’approvazione allaspending review arrivò anch’essa dopo sette ore, intorno alla una di notte, seguita poi (come è successo anche martedì notte) da una surreale conferenza stampa in cui giornalisti e governanti, comprensibilmente stanchi, si scambiavano informazioni su argomenti complicati, per metabolizzare i quali ci sarebbero voluti ben altri studio e lavoro di approfondimento. E allora ripeto: che senso hanno queste maratone notturne, magari lanciate dopo che la giornata è stata occupata in partecipazioni a non imperdibili convegni e a dibattiti non proprio vitali?

(Continua a leggere sul Corriere.it)