• Mondo
  • sabato 11 Agosto 2012

Paul Ryan sarà il vice di Romney

Se diventasse presidente: il candidato repubblicano ha scelto un deputato 42enne autore di una radicale piattaforma economica

Il candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti, Mitt Romney, ha annunciato che Paul Ryan sarà il suo candidato alla vicepresidenza. Ryan sarà presentato ufficialmente a Norfolk, in Virginia, durante una visita di Romney sulla corazzata USS Wisconsin.

Paul Ryan ha 42 anni ed è deputato in Wisconsin da quando ne aveva 28. Ha idee molto di destra, negli Stati Uniti viene definito un “libertarian”: sostiene che il governo federale debba avere il minor ruolo possibile nell’economia e negli affari degli Stati e che questo debba essere perseguito tagliando la spesa e tagliando le tasse. È a capo della commissione bilancio della Camera e nel giro di relativamente poco tempo è diventato uno dei membri più influenti del suo partito sulle questioni economiche: nell’ultimo anno si è parlato molto di lui per via della sua proposta di budget, votata dalla Camera a maggioranza repubblicana, che sia i democratici che i repubblicani concordano essere un distillato dell’ideologia dei tea party: ovviamente i primi lo dicono per denigrarla, i secondi perché ne sono orgogliosi. La proposta di Ryan – “The Path to Prosperity” – è rimasta sulla carta, dato che al Senato i democratici l’hanno respinta. Tra le altre cose, avrebbe tagliato la spesa del 12,5 per cento del prodotto interno lordo nel 2011, privatizzando o ridimensionando significativamente le pensioni e i programmi di welfare come Medicare e Medicaid.

Il suo piano è stato giudicato eccessivamente radicale anche da politici e commentatori di moderata tendenza repubblicana, che però in questi anni non hanno goduto di ascolto e popolarità nel partito. Quando Ryan presentò il piano, Clarles Krauthammer, columnist conservatore del Washington Post, scrisse citando una vecchia celebre frase: «Paul Ryan ha appena diffuso un piano decennale per il budget temerario e ambizioso. Con le sue 37 note a pié di pagina, potrebbe essere il testo suicida più commentato della storia». Persino Newt Gingrich, repubblicano ex speaker della Camera, anche lui molto conservatore, disse che il piano Ryan era “ingegneria sociale di destra”. Romney ha sempre espresso sostegno al piano Ryan.

Barack Obama ha citato più volte il piano Ryan nei suoi discorsi per descrivere cosa accadrebbe in caso di vittoria dei repubblicani nel 2012. Moltissimi repubblicani fanno lo stesso. Per questo la scelta di Ryan come vice da parte di Romney è destinata ad aumentare ancora di più la distanza politica tra i due candidati e mettere gli elettori americani davanti a due progetti politici completamente alternativi. Il Wisconsin, lo stato di Ryan, alle ultime elezioni presidenziali ha sempre votato per il candidato democratico: anche a questo giro i sondaggi vedono in vantaggio Obama, ma bisognerà vedere se la scelta di Ryan cambierà qualche equilibrio.