• Media
  • sabato 11 Agosto 2012

Time e CNN hanno sospeso Fareed Zakaria

Uno dei giornalisti americani più noti nel mondo ha confessato di aver copiato un articolo

Il magazine americano Time ha annunciato venerdì sera la sospensione dell’editorialista Fareed Zakaria, noto conduttore di un programma televisivo sulla CNN, ex responsabile dell’edizione internazionale di Newsweek, e stimato commentatore internazionale. Venerdì Zakaria aveva ammesso di aver copiato in un suo articolo alcune parti di un articolo del New Yorker sulla National Rifle Association, la lobby delle armi americana. «TIME accetta le scuse di Fareed, ma lui ha violato gli standard dei nostri commentatori, e cioè che il loro lavoro deve essere originale. Non solo le opinioni che esprimono devono essere le loro, ma anche le parole che usano – ha dichiarato l’addetto stampa del giornale Ali Zelenko – Per questo abbiamo deciso di sospendere Fareed per un mese».

Poco dopo anche la CNN ha annunciato la sospensione di Zakaria, avendo verificato che brani dallo stesso articolo erano stati ospitati sul blog di Zakaria nel sito CNN, e ha rimosso il post. L’articolo del New Yorker era firmato da Jill Lepore ed era uscito ad aprile: è un esame lungo e molto bello dell’evoluzione storica del pensiero e delle leggi statunitensi sulle armi, e del peso delle lobby nella legislazione sul tema. L’ammissione di Zakaria era arrivata – dopo che il sito conservatore di factcheck politico NewsBusters aveva notato le somiglianze tra i due pezzi –  in questa forma:

«Alcuni giornalisti hanno segnalato che dei paragrafi nella mia rubrica su Time di questa settimana presentano forti somiglianze con un pezzo di Jill Lepore sul numero del 23 aprile del New Yorker. Hanno ragione. Ho fatto un errore terribile. È una mancanza grave ed è completamente colpa mia. Chiedo scusa senza riserve a lei, ai miei responsabili di Time, e ai miei lettori»

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali