La mappa di Internet

Com'è distribuita la fitta rete di lunghissimi cavi che mettono in comunicazione i continenti, e vi fanno leggere queste parole

Grazie agli smartphone e ai tablet Internet è ormai accessibile praticamente ovunque (va bene, con cospicui coni d’ombra dovuti alle inadeguatezze di copertura), tuttavia la maggior parte delle informazioni viaggia ancora principalmente via cavo grazie alla fibra ottica. Lunghissimi cavi corrono sotto l’asfalto delle nostre città e attraversano gli oceani per portare in frazioni di secondo i dati, che si trasformano poi in pagine web, applicazioni per gli smartphone e altri contenuti.

Per dare un’idea di come è fatta questa enorme rete della Rete, quelli della rivista Fortune hanno lavorato insieme con gli esperti di GeoTel Communications, una società che si occupa di mappare la posizione dei cavi in fibra ottica e di raccogliere altre informazioni geografiche, legate ai sistemi per mettere in comunicazione le persone. La collaborazione ha portato alla creazione di una mappa che mostra come è fisicamente disposta sul nostro pianeta l’intricata rete di cavi responsabile di buona parte del funzionamento di Internet.


clicca per ingrandire

Il punto di osservazione della mappa è il Polo Nord e i continenti sono stati schiacciati per mostrare tutti i principali collegamenti tra le coste. Molti cavi in fibra ottica sono dedicati esclusivamente alla trasmissione in pochi millesimi di secondo dei dati finanziari: la velocità è essenziale per consentire contrattazioni in borsa in tempo reale su tutto il pianeta e non compromettere l’andamento delle compravendite. I cavi che collegano le principali città terminano di solito in aree dove il segnale viene poi diviso su reti più piccole, gestite dai singoli provider, che provvedono poi a fare arrivare le connessioni nelle abitazioni e negli esercizi commerciali.

La rete fisica è naturalmente molto più complessa e articolata rispetto a quella rappresentata nella mappa, che per esempio non mostra i sistemi di connessione all’interno dei singoli paesi. Internet è costituita da centinaia di milioni di dispositivi collegati tra loro in tante reti grazie a un’ampia gamma di mezzi trasmissivi che comprendono anche radio e sistemi satellitari, rappresentarli tutti in una mappa sarebbe praticamente impossibile.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.