I nuovi dati “audiradio” di Eurisko

Dopo la débacle del precedente sistema di rilevazione, oggi sono stati pubblicate le prime indagini sugli ascolti delle radio: stravince RTL, Radio Rai va maluccio

Da oltre un anno e mezzo un’anomalia imbarazzante grava sul mercato radiofonico italiano: il consorzio Audiradio che gestiva le rilevazione dei dati sugli ascolti si è spaccato dopo una serie di fallimenti tecnici sulla credibilità di tali dati, e quindi dal 2010 non ci sono informazioni utili sul successo o meno di questa o quella radio, di questo o quel programma. Faticosamente e lentamente è stato riorganizzato il sistema – ancora con polemiche e dissensi – e oggi la società Eurisko ha pubblicato i primi dati “Radio Monitor” rilevati con il nuovo corso.

Scrive il Sole 24 Ore:

In Italia, secondo Gfk Eurisko, ogni giorno sono 34 milioni di italiani, pari al 65% della popolazione, che accendono la radio. Su base settimanale la percentuale degli ascoltatori sale all’84%, ossia 44 milioni. L’indagine fornisce i dati di audience radiofonica e prende come campione le persone sopra i 14 anni ponendo l’attenzione sulle diversità culturali e sociali degli ascoltatori. Proprio questa caratteristica differenzia i risultati attuali dalle ricerche passate che tendevano a tracciare i comportamenti di ascolto degli italiani più colti. Nella classifica giornaliera le dieci radio più seguite sono Rtl 102.5 con più di 6,65 milioni di ascoltatori ogni giorno. Seguono Radio Deejay (5,35 milioni), Radio 105 (5,02 milioni), Rds 100% (4,71 milioni), Rai Radio 1(4,58 milioni), Radio Italia Solo (4,20 milioni), Rai Radio 2 (3,18 milioni), Virgin Radio (2,24 milioni) R101 (2,20 milioni) e Radio24 (1,90 milioni).

Questo invece è il commento ai risultati del sito Millecanali:

Su una popolazione di 52.422.000 (ovvero quella che va dai 14 anni in su) sono 34.263.000 coloro che l’ascoltano quotidianamente. Per quanto i risultati non siano confrontabili con quelli di Audiradio, il dato più evidente è quello della Rai che non domina la classifica, a vantaggio di RTL 102.5, Deejay, 105 e RDS. È il network di Suraci a ottenere il vertice con un lusinghiero risultato: 6.654.000 nel gmi. Netto, peraltro, il distacco da Radio Deejay, seconda con 5.356.000. Se per entrambe le reti il dato è importante ma non stupisce eccessivamente, colpisce il terzo posto di Radio 105.
L’emittente capofila del gruppo Finelco ottiene 5.026.000 ascoltatori, numeri che – secondo alcuni – renderebbero giustizia alla popolarità di un network che in altre circostanze era stato sottostimato. Vera o meno che sia questa ipotesi, la prima delle tre Radio nazionali di Hazan si posiziona meglio di RDS, ora quarta con 4.719.000, risultato comunque buono, ma forse in parte deludente se rapportato alla triade che domina la classifica.
Soltanto quinta Radio 1. La prima rete pubblica supera di poco i quattro milioni e mezzo (nel dettaglio 4.585.000) e non va meglio per le altre reti della Rai che troveremo nel resto dei dati Radio Monitor. Tra la prima e la seconda rete, intanto, si colloca Radio Italia Solo Musica Italiana con 4.203.000, mentre soltanto settima è Radio 2 (3.188.000).
Concludendo la top ten, decisamente buono il risultato di Virgin Radio, il cui taglio all rock (unico tra le nazionali) viene premiato con 2.248.000 ascoltatori. Nona, a breve distanza, è R101 che totalizza 2.203.000, mentre non raggiunge la soglia del due milioni Radio 24 (esattamente sono 1.903.000 gli ascoltatori quotidiani della radio de Il Sole 24 Ore). Non mancano ulteriori sorprese proseguendo la classifica: se undicesima è Kiss Kiss con 1.836.000, stupisce il dignitoso risultato di m2o. La rete dance del gruppo Elemedia totalizza 1.667.000 superando la “sorella maggiore” Capital (1.579.000). Radio Maria, con 1.519.000 contatti, si discosta di poco da ciò che le veniva attribuito da Audiradio, mentre è indubbiamente deludente il dato di Radio 3, ferma a 1.435.000, e terzultima tra le reti nazionali. Poco felice anche il totale di Radio Monte Carlo, a quota 1.270.000, mentre a chiudere la prima classifica nazionale di Radio Monitor è Radio Radicale con 316.000 contatti.

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.