• Mondo
  • giovedì 17 Maggio 2012

Le foto di Jardim Gramacho

Un reportage dalla più grande discarica del Sudamerica, che chiuderà il primo giugno, dove le persone sopravvivono raccogliendo rifiuti

Jardim Gramacho è la più grande discarica a cielo aperto del Sudamerica. Si trova nella periferia di Rio de Janeiro, in Brasile, e ogni giorno migliaia di persone – i cosiddetti catadores – ci passano le giornate raccogliendo oggetti riciclabili per sopravvivere. I catadores si sono riuniti in un’associazione, l’ACAMJG, i cui iscritti vengono pagati in cambio degli oggetti che raccolgono e catalogano.

Sul Post avevamo parlato di Jardim Gramacho a proposito del documentario Waste Land, girato dall’artista brasiliano Vik Muniz con l’aiuto delle persone che lavorano nella discarica. Dopo averle fotografate, Muniz trasformò i loro ritratti in enormi sculture realizzate con la spazzatura della discarica. Un ritratto e molte foto sono stati venduti all’asta per un totale di 300 mila dollari, che sono stati donati ai catadores.

Aperta negli anni Settanta, il primo giugno Jardim Gramacho verrà chiusa per ordine del governo brasiliano, che la considera pericolosa per l’ambiente. I catadores verranno compensati con un fondo di 11 milioni di dollari, stanziati dal governo, e frequenteranno corsi di formazione allo scopo di trovare un nuovo lavoro. Il fotografo di AFP Christophe Simon ha realizzato un reportage a Jardim Gramacho a due settimane dalla chiusura: i catadores trascinano grandi sacchi colmi di spazzatura muovendosi con fatica in una distesa di rifiuti, affiancati da corvi e altri animali in cerca di cibo.