• Mondo
  • sabato 21 aprile 2012

L’Expo 2012 in Corea del Sud

Le foto dei preparativi a Yeosu: partirà il 12 maggio e si occuperà degli oceani e delle coste

Dal 12 maggio al 12 agosto nella città di Yeosu, in Corea del Sud, si svolgerà l’Expo 2012, una esposizione mondiale riconosciuta dal Bureau of International Expositions (BIE) che si intitolerà “The Living Oceans and Coast” e avrà come tema la gestione sostenibile degli oceani e delle coste oceaniche. L’expo di Yeosu è una Expo “riconosciuta”, o “internazionale”, una tipologia di esposizioni di secondo livello rispetto a quelle “registrate”, dette anche “universali”, come l’Expo che si terrà nel 2015 a Milano.

Alla manifestazione, che è organizzata in un’area di circa 2 milioni e mezzo di metri quadrati posta intorno al porto di Yeosu, nella parte meridionale della Corea del Sud, parteciperanno 105 stati provenienti da tutti i cinque continenti (anche l’Italia) e 10 organizzazioni internazionali che si occupano di risorse alimentari e di controllo climatico, tra le quali il FAO e le Nazioni Unite. Gli organizzatori prevedono un afflusso di una decina di milioni di visitatori. L’obiettivo degli organizzatori è far riflettere la comunità internazionale sul presente e sul futuro dello gestione degli oceani e delle coste, ma anche la condivisione di saperi e tecnologie tra i paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo.

Per l’organizzazione di questa manifestazione sono arrivati più di 1 miliardo di euro di investimenti, mentre gli investimenti per le infrastrutture necessarie ammontano a quasi 7 miliardi di euro. Tra le opere costruite per l’occasione, a quanto riporta l’Asia Times, c’è anche una linea ferroviaria ad alta velocità che collega Seul a Yeosu (circa 350 chilometri) in tre ore.

foto: Chung Sung-Jun/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.