• Media
  • giovedì 12 Aprile 2012

Il nuovo Corriere della Sera per iPad

Com'è fatta la nuova applicazione disponibile da oggi e gratis per una settimana, tra tag cloud e mappamondi

Il Corriere della Sera ha da oggi una nuova applicazione per iPad – “Digital Edition 2.0” – presentata ieri in via Solferino dal direttore Ferruccio de Bortoli e da Giulio Lattanzi, direttore generale della divisione Quotidiani di Rcs Mediagroup.

La nuova applicazione è divisa in tre sezioni, la pagina di apertura permette di scegliere quale utilizzare. Una versione nativa permette di leggere gli articoli pubblicati sul quotidiano in un formato disegnato appositamente per il tablet, con gallerie fotografiche a tutto schermo e pagine tematiche con strutture diverse tra loro: l’apertura della sezione Mondo, per esempio, mostra un mappamondo con dei puntini illuminati, a indicare i luoghi di cui si parla negli articoli; l’apertura della sezione Finanza mostra i principali indici di borsa in aggiornamento, l’apertura della sezione Meteo indica automaticamente le previsioni riguardo il luogo in cui si trova, grazie alla funzione localizzazione di iPad. Un menu a tendina permette poi di scorrere le sezioni in modo tradizionale: Primo Piano, Esteri, Cronache, Economia, Cultura, Eventi, Editoriale, Opinioni, Spettacoli, Sport, Foto del giorno. Dentro ogni articolo, un link “leggilo in pagina” permette di vedere il pezzo come pubblicato sul quotidiano cartaceo.

L’applicazione fornisce poi la riproduzione del quotidiano in formato cartaceo, come in precedenza, e una tag cloud: cliccando su ogni parola si viene indirizzati all’articolo più recente sul tema. Ogni articolo può essere condiviso sui social network. L’applicazione ha una pagina anche per CorriereTV, con i video, e l’archivio delle copie cartacee del quotidiano. La “Digital Edition 2.0” del Corriere della Sera si può scaricare dall’AppStore e resterà gratuita per sette giorni, fino al 19 aprile: poi entreranno in vigore gli abbonamenti settimanali (4,99 euro), mensili (19,99) e annuali (179,99).

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali