Il posto in aereo scelto con i social network

La compagnia aerea olandese KLM ha avviato un programma che permette di scegliere accanto a chi sedersi sulla base delle informazioni condivise su Facebook

Da alcune settimane la compagnia aerea KLM ha avviato la sperimentazione di un nuovo servizio che permette ai passeggeri di scegliersi il proprio compagno di viaggio attraverso i social network. Il sistema si chiama “Meet & Seat” ed è stato presentato dalla società a fine gennaio, dopo che erano circolate diverse voci sull’imminente arrivo del nuovo servizio. L’idea era stata raccontata lo scorso dicembre da Emanuele Menietti nel suo blog sul Post: rendere più piacevoli i viaggi in aereo permettendo a chi lo vuole di trovare posto accanto a chi condivide i propri gusti e interessi.

Dopo aver prenotato il posto a bordo, Meet & Seat consente di condividere online alcune informazioni tratte dal proprio profilo su Facebook o su LinkedIn, che possono essere usate dagli altri passeggeri per scegliere dove sedersi sull’aereo e vicino a chi. Simili sistemi erano già stati sperimentati in passato, ma con scarso successo perché facevano affidamento su community interne ai portali delle compagnie aeree e non sui social network come li conosciamo oggi. Spiega Erik Varwijk, responsabile dell’area passeggeri di KLM, al New York Times: «Per almeno dieci anni si è discusso su come aumentare le probabilità di incontrare qualcuno di interessante a bordo, ma non c’era la tecnologia adatta per farlo».

Grazie ai suoi 850 milioni di iscritti, Facebook si potrebbe rivelare lo strumento ideale per le compagnie aeree che vogliono mettere in piedi simili servizi. Molte società usano già il social network per farsi pubblicità, comunicare con i propri clienti e far conoscere le loro offerte commerciali. Molti utenti potrebbero essere incentivati a condividere alcune informazioni dei loro profili in cambio della possibilità di sedersi accanto a qualcuno che reputano interessante.

Per evitare problemi con le istituzioni e le associazioni che si occupano di tutela della privacy, KLM sta sperimentando il servizio con alcune limitazioni per assicurare la riservatezza dei propri clienti. Meet & Seat è disponibile solamente per le prenotazioni già confermate e richiede un esplicito consenso da parte degli utenti per la condivisione delle informazioni personali. Dopo aver selezionato quali dati rendere pubblicamente visibili, i passeggeri possono visualizzare una mappa che indica i posti liberi e quelli occupati dalle persone che hanno condiviso i loro profili di Facebook. Se si trova qualcuno di interessante è sufficiente prenotare il posto affianco e la persona scelta riceverà una notifica, con i dettagli del profilo del suo nuovo compagno di viaggio.

Il sistema non prevede che si possa rifiutare un passeggero che ha deciso di sedersi nel sedile accanto al proprio attraverso Meet & Seat. C’è comunque la possibilità di cambiare posto entro due giorni dal volo e liberarsi quindi del compagno di viaggio, se ritenuto poco interessante. Chi decide di spostarsi può anche passare al sistema tradizionale di prenotazione, facendo sparire i propri dettagli dalla mappa dei posti a bordo.

Meet & Seat è ancora in una fase sperimentale e per questo motivo è disponibile solamente su due tratte: Amsterdam (Olanda) – New York (Stati Uniti) e San Francisco (Stati Uniti) – San Paolo (Brasile). Per ora hanno partecipato circa 200 passeggeri. Le cose dovrebbero allargarsi nelle prossime settimane. Se non ci saranno malfunzionamenti nel sistema o altri imprevisti, a partire dalla primavera KLM adotterà il sistema su buona parte dei propri voli intercontinentali (i più lunghi). I passeggeri potranno fare la loro scelta a partire da tre mesi prima del volo e cambiare idea entro 48 ore dalla partenza.

KLM fa parte dell’alleanza globale SkyTeam costituita da alcune importanti compagnie aeree del mondo come Air France, Delta Air Lines e Aeroflot. Dell’alleanza fa parte anche la nuova Alitalia. Secondo Varwijk, terminata la sperimentazione, KLM potrebbe condividere con le altre società del gruppo le informazioni sui progressi raggiunti e le tecnologie di Meet & Seat, estendendo ulteriormente il servizio.

Altre compagnie aeree, invece, hanno scelto una direzione opposta rispetto a KLM, dedicata a chi preferisce starsene per conto proprio. Pagando una cifra aggiuntiva tra i 6 e i 60 dollari, società come Air New Zealand, AirAsia X (Malesia) e Vueling (Spagna) consentono ai passeggeri di avere posti vuoti affianco ai loro. Se il volo viene prenotato completamente e non ci sono sedili liberi, la tariffa aggiuntiva viene rimborsata.