• Cultura
  • venerdì 16 dicembre 2011

È morto Christopher Hitchens

Era uno dei più bravi e intelligenti polemisti e commentatori giornalistici viventi, ed era malato di cancro dall'anno scorso

È morto a 62 anni in un ospedale di Houston Christopher Hitchens. Era inglese ma viveva da molto negli Stati Uniti, dove era diventato forse il più noto tra i giornalisti “polemisti” del mondo, per le sue straordinarie capacità di scrittura, intelligenza e chiarezza nel trattare i temi dell’attualità politica mondiale. “Un tagliente polemista nella tradizione di Thomas Paine e George Orwell che prese di mira bersagli diversi come Henry Kissinger, la monarchia britannica e Madre Teresa, scrisse un best-seller contro la fede religiosa e spiazzò i suoi ex compagni di sinistra sostenendo entusiasticamente la guerra americana in Iraq”, scrive il New York Times nel suo necrologio.

Hitchens scriveva soprattutto per Vanity Fair, l’Atlantic e Slate, e in Italia era tradotto dal Corriere della Sera. Era nato a Portsmouth, in Inghilterra nel 1949. I suoi molti fans, per cui era noto amichevolmente come “Hitch”, erano stati commossi dalla rivelazione della sua malattia, nel 2010, e dalle immagini delle sue difficili condizioni di salute. Nei mesi scorsi erano apparsi su YouTube molti video di lettori che lo ringraziavano brindando alla sua salute citando il suo whisky preferito, il “Johnny Walker Black Label”, che lui chiamava “la colazione dei campioni”.

La conversazione con Martin Amis sul cancro
– Contro Madre Teresa
– La discussione con Tony Blair sulla religione
– Hitchens sul matrimonio reale
– Hitchens contro Gandhi

«Il nobile appellativo di “dissidenti” deve essere guadagnato piuttosto che proclamato; esso connota sacrificio e rischio, e non semplicemente disaccordo, ed è stato consacrato da tanti uomini e donne esemplari e coraggiosi»

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.