• Mondo
  • domenica 13 Novembre 2011

Decine di nuovi arresti contro Occupy

E tre persone sono morte negli accampamenti dei manifestanti, per varie cause

Il movimento Occupy Wall Street è entrato nel suo terzo mese di vita ma le forze dell’ordine statunitensi stanno aumentando la stretta contro i manifestanti, perché le proteste starebbero mettendo a repentaglio la sicurezza e le condizioni igienico-sanitarie delle città. Ieri a St. Louis sono state arrestate 27 persone per aver violato il coprifuoco deciso dal sindaco Francis Slay, che venerdì aveva emesso l’ordine di sgombero nei confronti di quattrocento persone che avevano occupato una piazza nel centro della città.

A Salt Lake City, invece, ieri sera sono state arrestate 15 persone che si sono opposte allo sgombero di Pioneer Park, occupato da circa 150 manifestanti. In una delle tende rimosse è stato trovato anche un cadavere. Secondo la polizia si tratterebbe di un senzatetto morto per overdose. A Denver, dove ieri è stato sgomberato un accampamento illegale al Civic Centre Park con l’utilizzo di gas lacrimogeni, la polizia ha invece fermato altri due manifestanti dopo che avevano occupato un marciapiede di una strada del centro con materassi, tende e fornelli da campeggio.

Le proteste di Occupy Wall Street entrano dunque in quella che sembra essere la fase più difficile della breve storia del movimento. La polizia è sempre più preoccupata soprattutto per alcuni atti di violenza che si sono verificati durante le manifestazioni. Negli ultimi giorni, oltre al tossicodipendente morto a Salt Lake City, giovedì a Oakland un uomo è stato ucciso nei dintorni a Frank Ogawa Plaza, la piazza davanti al municipio della città presidiata da giorni dai manifestanti Occupy. I manifestanti dicono che non hanno nulla a che fare con l’episodio, ma la polizia ha già ordinato loro di andarsene. In un accampamento di Occupy Wall Street a Verlington (Vermont), invece, si è suicidato un veterano di guerra 35enne. A San Francisco, in California, un agente di polizia è stato ferito da un manifestante, mentre a Portland è scattato l’allarme perché secondo la polizia dell’Oregon, circa 150 anarchici si starebbero unendo ai manifestanti di Occupy Wall Street che, nel frattempo, starebbero fabbricando armi di fortuna con “chiodi e legno”.

Foto: Natalie Behring/Getty Images