Un giorno da twittare

Quello che c'è da dire sull'evento di stasera sta tutto in 140 caratteri, un editoriale

(Al Post abbiamo discusso di quali riflessioni e consuntivi si potessero fare in questa giornata inevitabilmente storica, per quanta resistenza si possa avere fatto a che lo fosse, per quanto si voglia ancora provare a pensarlo come un giorno normale, in cui un governo cade, e il primo ministro viene sostituito: succede, è successo altre volte.

Ma la verità è che tutto è stato già detto, mille volte: non c’è niente di nuovo e originale da dire sulla fine politica di Berlusconi che viene sancita oggi. Quindi queste parole servono solo a presentare l’editoriale più breve della storia del Post e uno dei più brevi di sempre. Buono per Twitter.)