• Mondo
  • martedì 25 ottobre 2011

Bangkok si prepara alla piena

Le foto della vita, più o meno, nelle zone allagate della capitale della Thailandia

La capitale della Thailandia, Bangkok, è ancora allagata. L’acqua ha invaso la città a seguito delle alluvioni degli ultimi giorni, le peggiori degli ultimi cinquant’anni nel Paese, e si sta facendo strada dai quartieri di Rangsit, Nonthaburi e Pathum Thani. Per il momento gli allagamenti sono circoscritti alla zona nord della città, ma già ieri sono arrivati in uno degli aeroporti della città. Dalle province a nord della capitale 4 miliardi di metri cubi d’acqua si stanno dirigendo verso Bangkok, il cui sistema di canali non è in grado di deviarne il flusso. Il fiume Chao Phraya è esondato in diversi tratti, lungo i quali il livello dell’acqua ha toccato il livello senza precedenti di 2 metri e 30 centimetri. Bangkok è collocata in una depressione appena due metri sopra il livello del mare. Questo vuol dire che nei prossimi giorni il livello dell’acqua potrebbe salire ancora e soprattutto le alluvioni potrebbero allargarsi alle zone centrali della città, che conta oltre nove milioni di abitanti.

Il primo ministro thailandese Yingluck Shinawatra ha promesso di fare di tutto per proteggere gli aeroporti e le centrali energetiche dalle alluvioni: il governo sta pensando di dare ai cittadini tre giorni di vacanza dal lavoro dal 28 al 31 ottobre per permettere loro di prepararsi adeguatamente all’ulteriore innalzamento del livello dell’acqua. Intanto nelle zone sommerse della città le persone cercano di andare avanti in qualche modo, spostandosi in barca, recuperando come possono cibo e beni di prima necessità. Dallo scorso 25 luglio le alluvioni hanno causato la morte di 356 persone.

Bangkok allagata, la Thailandia sommersa
Tutti gli articoli del Post sulle alluvioni in Thailandia

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.