• Mondo
  • martedì 25 Ottobre 2011

85 arresti a Occupy Oakland

La polizia ha sgomberato l'accampamento californiano prima dell'alba, "per ragioni di sicurezza"

Quando a Oakland, California, la polizia è arrivata all’accampamento di “Occupy Oakland” stamattina non era ancora l’alba (nove ore di fuso orario rispetto all’Italia). Centinaia di agenti in tenuta antisommossa hanno sgomberato prima delle cinque locali la tendopoli costruita nell’ambito del movimento “Occupy Wall Street” nella piazza del municipio, e un secondo accampamento vicino, arrestando 85 persone per occupazioni illecite, citando “ragioni sanitarie e di pubblica sicurezza”.

Lo sgombero pare avvenuto senza violenze e con poca resistenza. I manifestanti hanno annunciato la ripresa dell’occupazione ma la polizia ha eretto delle transenne intorno alla piazza. Il sindaco Jean Quan, che si trovava a Washington, ha accusato i manifestanti di violenze e condotte pericolose nelle notti dell’occupazione.

Ripartire da Wall Street, il commento del Post sulle proteste