• Mondo
  • martedì 11 ottobre 2011

Cronache dal Bhutan

Le foto delle prove alla vigilia del matrimonio reale, mentre nel sud del paese la scorsa notte ci sono stati due attentati con molti feriti

di Matteo Miele, Royal University of Bhutan

La scorsa notte a Phuentsholing, nel sud del Bhutan, al confine con l’India, ci sono state due esplosioni che hanno causato diversi feriti. La rivendicazione dell’attentato è arrivata da un’organizzazione che agisce dal Nepal, il Fronte Rivoluzionario Unitario del Bhutan, secondo quanto riportato da AFP. Agli anni ’90 risale la crisi con gruppi nepalesi di estrema sinistra. Nel sud del Bhutan agiscono diversi gruppi armati, non solo nepalesi, come ad esempio i separatisti delle regioni dell’India nord-orientale.

L’attentato arriva a due giorni dal matrimonio reale, previsto per il prossimo 13 ottobre, tra il quinto re Jigme Khesar Namgyel Wangchuck e Jetsun Pema, la cui famiglia è originaria dell’est del paese, la zona meno sviluppata del regno. Circa un mese fa hanno effettuato un volo di prova per l’aeroporto di Yonphula, nel distretto di Trashigang, lo stesso distretto del padre della futura regina. Al momento, per raggiungere l’omonimo capoluogo del distretto, partendo dalla capitale Thimphu, nell’ovest, ci vogliono due giorni di viaggio (il Bhutan è grande all’incirca quanto la Svizzera). Con un volo interno, meno di un’ora.

Nell’est, sempre nel distretto di Trashigang, c’è lo Sherubtse College, la più importante istituzione educativa del regno himalayano, che risale agli anni ’60, quando era guidata da Padre William Mackey, un gesuita canadese. Scuola prima, poi college dell’Università di Delhi, lo Sherubtse nel 2003 entrò a far parte della Royal University of Bhutan. Eppure l’area non riesce a raggiungere i livelli di sviluppo delle regioni occidentali e moltissimi preferiscono spostarsi nella capitale. Anche il turismo, così fiorente a Thimphu e a Paro, rimane un semplice miraggio nel Bhutan orientale.

TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.