• Cultura
  • martedì 6 settembre 2011

L’estate del 1965 con Robert Redford e Jane Fonda

I video personali girati da Roddy McDowall durante le vacanze sono stati messi online su YouTube

Rock Hudson mostra la lingua alla telecamera. Jane Fonda fa le boccacce. Le lentiggini di Natalie Wood. Paul Newman beve una birra. Julie Andrews passeggia sulla spiaggia di Malibu.

Roddy McDowall era un attore di origini britanniche: arrivò a Hollywood ancora bambino, recitò in moltissimi film, a teatro, in televisione. E divenne famoso anche come fotografo (tanto che il recente falso dell’immagine di Elizabeth Taylor nuda era stato attribuito a lui). Divenne celebre la sua raccolta di “scarti” cinematografici quando fu investigato dall’FBI per pirateria: conservava in casa sua centinaia di pellicole di scene tagliate, ottenute dagli studios prima che se ne disfacessero.

Una passione per l’immagine e il frammento, la ricerca di momenti nascosti, lontani dallo sguardo pubblico, mai rivelati: si trova tutto questo nella collezione di filmini estivi, girati a Malibu tra amici (e che amici) tra case delle vacanze e spiagge, caricati qualche giorno fa su YouTube da un utente che si definisce indipendent documentary filmmaker e che dice di averli ottenuti personalmente da Roddy McDowall (che è morto nel 1998). La sua intenzione è di trarne un documentario.

I video risalgono alla lunga estate del ’65, coprendo un periodo che va dal giorno di Pasqua (quell’anno cadeva il 18 aprile), festeggiata con Robert Redford a casa dell’attrice Hope Lange, al Labor Day (primo lunedì di settembre) insieme a Rock Hudson. Sono filmati muti, ma non serve l’audio per apprezzare i protagonisti raccontati in momenti di sincero divertimento, di tempo libero, quando ancora i paparazzi (e tutti noi) non si erano spinti a certi estremi ed era difficile raccogliere in video una simile spontaneità.


Il party di Pasqua a casa di Hope Lange: tra gli ospiti Robert Redford.


Jane Fonda e Julie Andrews sulla spiaggia di Malibu.

1 2 3 4 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.