Le foto dal set di Gipi

Le immagini scattate dal fotografo Chico De Luigi durante le riprese dell'"Ultimo terrestre"

Aggiornamento del 25 aprile: la produzione del film “L’ultimo terrestre” ha gentilmente chiesto di non anticipare le foto del set, che quindi il Post – che ne aveva ottenuto permesso dagli autori – ha accettato di cancellare da questo articolo.

Qualche giorno dopo un primo annuncio di Domenico Procacci a Bologna, a settembre Gipi aveva per la prima volta raccontato sul suo blog che Fandango avrebbe prodotto un suo film:

Da tanti mesi sto lavorando a questo progetto cinematografico.
Da quando Fandango ha fatto l’annuncio alle agenzie di stampa sono uscite tante notizie, alcune piuttosto confuse.
Di seguito i dati sicuri:
Il film è tratto da “Nessuno mi farà del male”, libro di Giacomo Monti che mi folgorò.
Il film è stato scritto e sceneggiato da me.
Il film sarà pure diretto da me.
Il film non sarà un film d’animazione, ma un film con le persone vive.
Il titolo del film è “L’ultimo terrestre”.
Se tutto andrà bene uscirà entro il 2012.
Non ci sono ancora nomi per attori/attrici.
Non dirò una parola sulla trama. Ma c’è il libro di Monti, per gli investigatori.
Questo è tutto.

“L’ultimo terrestre” è ora entrato – dopo preparativi, casting e scrittura – in lavorazione: della trama ancora non si sa ancora molto (il graphic novel di Monti è una raccolta di racconti, che parlano di alieni, prostitute, camerieri del bingo e molto altro; quindi è difficile capire in anticipo come verranno selezionate e trasformate in lungometraggio). Ma per i curiosi e i fans (compresi noi del Post, in entrambe le categorie) il fotografo Chico De Luigi ha scattato queste immagini sul set, durante le riprese nei giorni scorsi nella provincia di Pisa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.