• Mondo
  • giovedì 7 aprile 2011

Il Messico protesta contro i narcos

Migliaia di persone hanno sfilato ieri in venti città messicane per protestare contro la violenza dei narcos

La manifestazione di Cuernavaca è stata guidata dal poeta Javier Sicilia, il cui figlio è stato ucciso dai narcos

Migliaia di persone hanno sfilato ieri in almeno venti città del Messico per protestare contro le continue violenze subite dalla popolazione a causa della guerra tra le bande dei narcotrafficanti.

L’epicentro della manifestazione è stato Cuernavaca, capitale dello stato di Morelos, che è recentemente stata scossa dal feroce omicidio di sette persone tra cui Juan Francisco Sicilia, figlio del poeta e giornalista messicano Javier Sicilia. Più di trentamila persone sono morte in Messico da quando il presidente Felipe Calderon ha lanciato la sua guerra contro i narcos nel 2006.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.