• Mondo
  • lunedì 7 febbraio 2011

Ancora alluvioni in Sri Lanka

Altre undici persone sono morte con le piogge degli ultimi giorni, gli sfollati sono oltre un milione

Nel territorio ci sono ancora molte mine, che potrebbero essere trasportate dall'acqua in punti ritenuti sicuri

Lo Sri Lanka è stato travolto da una nuova ondata di alluvioni che hanno causato la morte di almeno altre undici persone. Le piogge hanno colpito soprattutto le province centro-settentrionali e quelle orientali del paese, facendo salire il numero degli sfollati a oltre un milione.

Oltre trecentomila persone hanno dovuto abbandonare le loro case e tre risultano ancora scomparse. I centri di Anuradhapura e Medirigirya sono stati completamente sommersi e tutti gli abitanti evacuati in rifugi temporanei. Il paese era già stato colpito da una prima serie di alluvioni a metà gennaio, che avevano costretto oltre quattrocentomila persone a lasciare le loro case.

Un’ulteriore minaccia è costituita dalle mine ancora presenti in molti punti del territorio dai tempi della guerra civile, che si è conclusa solo nella primavera del 2009, e che potrebbero essere trasportate dall’acqua in luoghi che finora erano ritenuti sicuri. La maggior parte delle persone in pericolo appartiene alla minoranza Tamil della parte orientale del paese, già stremata da oltre vent’anni di violenza tra le Tigri Tamil e le forze dell’esercito centrale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.