La sveglia dell’iPhone in ritardo sull’ora solare

Qualcosa non ha funzionato e qualcuno ha dormito un'ora in più, ecco come risolvere il problema

A quanto si legge in rete molte persone che si svegliano ogni giorno grazie alla sveglia dell’iPhone si sono potute godere un’ora in più di sonno a causa di un malfunzionamento del telefono, che ha portato a una errata sincronizzazione con il ritorno dell’ora solare. Il cambio dell’ora è avvenuto tra sabato e domenica in buona parte dei paesi europei.

Il problema riguarda gli iPhone con il sistema operativo iOS 4.1 impostati per far suonare una sveglia tutti i giorni a una determinata ora: le sveglie su cui sia stata attivata la modalità “ripeti”. In pratica, l’ora dello smartphone si è messa a posto automaticamente al passaggio da legale a solare, ma a causa di un malfunzionamento le sveglie sono rimaste con il vecchio orario e si sono così messe a suonare con un’ora di ritardo. Anche se si segnalano casi in cui le sveglie hanno invece suonato regolarmente.

La stessa cosa era successa tre settimane fa in Australia. Il paese aveva appena compiuto il passaggio da ora solare a ora legale, così gli iPhone hanno fatto suonare la sveglia con un’ora di anticipo. In seguito alle proteste degli utenti, Apple aveva spiegato di essere al corrente dell’errore, ma non ha fatto in tempo ad aggiornare gli iPhone per il cambio dell’ora in Europa. Il malfunzionamento sarà risolto con il rilascio della versione 4.2 di iOS, prevista per il mese di novembre.

Chi utilizza una sveglia che si ripete per più giorni la settimana ha due modi per aggirare il problema. Il metodo più semplice ma rischioso (va a finire che si fa casino) è quello di cambiare l’ora cui è impostata la sveglia, sottraendo un’ora. Per risolvere più serenamente il problema è meglio invece eliminare tutte le sveglie ricorrenti, riavviare iPhone e reimpostarle.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.