Le 4 novità di Apple presentate ieri

Steve Jobs ha presentato il nuovo sistema operativo Lion, l'edizione 2011 di iLife e i nuovi MacBook Air

Tra le novità anche il Mac App Store per acquistare software e applicazioni sui Mac come sugli iPhone

Ieri nel tardo pomeriggio (in California era mattina), Steve Jobs ha presentato l’evento “Back to the Mac”. Le novità che hanno fatto più notizia sono i nuovi MacBook Air e l’anteprima di Lion, la nuova versione del sistema operativo che anima i Mac.

1. Mac OS X
L’ottavo grande aggiornamento nella storia del sistema operativo si chiama Lion. Apple ha voluto trasferire nel nuovo Mac OS X alcune delle funzionalità di maggior successo di iOS, il sistema operativo dei dispositivi portatili come iPhone, iPad e iPod Touch. Lion avrà dunque un’interfaccia che ricalca quella di iOS e offrirà un maggior numero di opzioni per il multitouch. Ciò non significa che gli schermi dei futuri Mac saranno necessariamente touchscreen: i comandi saranno inviati attraverso il trackpad o il Magic Mouse, senza dover spostare le dita dalla tastiera sullo schermo. Salvo cambiamenti di programma, il nuovo sistema operativo sarà pronto per i primi mesi della prossima estate.

2. Mac App Store
L’innovazione che negli ultimi anni ha dato maggiori soddisfazioni ad Apple si chiama App Store, il negozio online per acquistare e scaricare le applicazioni da usare con iOS. La società ha così deciso di estendere questa esperienza anche ai propri computer, per ora tagliati fuori dalle potenzialità dell’App Store, e rinforzare il dibattito sul sistema delle applicazioni che secondo il direttore di Wired Chris Anderson starebbe rimpiazzando il web. Gli utenti potranno scaricare applicazioni gratis o a pagamento con le stesse identiche modalità con le quali fanno acquisti sugli iPhone e sugli iPad. Entro novanta giorni, ha confermato Steve Jobs, il Mac App Store sarà disponibile per chi utilizza Snow Leopard, il predecessore di Lion.

3. MacBook Air
Introdotto nel gennaio del 2008, il portatile ultrasottile di Apple non aveva ricevuto negli ultimi anni grandi aggiornamenti. I progettisti della società si sono così messi al lavoro realizzando due nuovi modelli, che cercano di fondere in un dispositivo la praticità degli iPad con la potenza dei portatili Apple, ha spiegato Jobs nel corso della sua presentazione. I due modelli hanno rispettivamente uno schermo da 13,3 e da 11 pollici (il più piccolo in circolazione, che ha fatto scrivere a molti che si tratta della discesa in campo di Apple sul terreno dei “netbook”): l’unica altra differenza è l’autonomia: il primo arriva a 7 ore, il secondo si ferma intorno alle 5 ore. I nuovi MacBook Air si avviano all’istante, grazie alle nuove memorie flash che sostituiscono gli hard disk, e sono già disponibili per la vendita. Il modello base costa 999 euro, il più avanzato 1.599.

4. iLife ’11
L’insieme di programmi per la creazione e la gestione di file multimediali era fermo all’ultima versione lanciata nel gennaio del 2009. La nuova edizione porta alcune importanti novità per iPhoto, iMovie e per GarageBand. iPhoto, il programma per la gestione del proprio archivio fotografico, consente di regolare e impostare le immagini utilizzando la funzione a tutto schermo e semplifica i sistemi per condividere le foto. iMovie, il software per creare e montare i video, ha ora una serie più ampia di filmati preimpostati per creare un video in pochi minuti e offre sistemi più semplici e pratici per migliorare l’audio e la qualità delle immagini. Infine, GarageBand si arricchisce di nuovi strumenti per la creazione della musica e di alcune funzionalità per modificare più rapidamente singole parti di un file musicale. Il nuovo iLife ’11 è già disponibile per l’acquisto e costa 49 euro.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.