• Mondo
  • mercoledì 6 Ottobre 2010

Scoperta una nuova lingua, in India

Si chiama Koro ed è parlata da circa ottocento persone in una remota regione nel nordest del paese

Secondo gli scienziati oltre la metà delle lingue parlate oggi nel mondo sarà scomparsa entro il 2100

Un gruppo di ricercatori oggi ha annunciato la scoperta di una nuova lingua parlata da circa ottocento persone nel nordest dell’India. La lingua – a cui è stato dato il nome Koro – è stata scoperta durante una spedizione di alcuni linguisti che avevano ricevuto una borsa di studio dal National Geographic.

Koro appartiene alla famiglia delle lingue tibeto-birmane, che comprende circa quattrocento idiomi parlati prevalentemente nell’Asia centrale, orientale e centro-meridionale e che include appunto il tibetano e il birmano. Come la maggior parte delle lingue esistenti al mondo, Koro è trasmesso solo oralmente. I suoi suoni sono molto diversi da quelli delle altre lingue parlate nella stessa area e finora non era mai stata annoverata negli elenchi delle lingue parlate in India.

La spedizione – detta Enduring Voices – è stata guidata dal professore di linguistica dello Swarthmore College (Pennsylvania) K. David Harrison e da Greg Anderson, direttore del Living Tongues Institute for Endangered Languages di Salem (Oregon). L’obiettivo di Enduring Voices è documentare le lingue in via di estinzione e aiutare le loro comunità a preservarle. Harrison e Anderson avevano concentrato le loro ricerche nell’Arunachal Pradesh, una regione del remoto nordest dell’India. «Koro ha permesso di scoprire una mitologia, una storia e una grammatica che finora erano completamente sconosciute», ha detto Harrison.

La spedizione era partita nel 2008, per documentare altre due lingue parlate nella stessa area: Aka e Miji. Durante questa indagine porta a porta, gli scienziati si sono imbattuti in una lingua che non avevano mai sentito fino ad allora. «Non ci abbiamo messo molto a capire che era qualcosa di completamente diverso da quello che avevamo nel nostro elenco di lingue parlate in quella zona», ha detto Harrison. Per un parlante della lingua Aka, la parola “maiale” è “vo”; per un parlante della lingua Koro invece è “lele”. «Sono completamente diverse», ha scritto Harrison nel suo rapporto finale «come l’inglese e il giapponese». Delle ottocento persone che attualmente parlano Koro, pochissime sono sotto i venti anni. Secondo gli scienziati, una lingua scompare ogni due settimane. Entro il 2100 si stima che oltre la metà delle 6.910 lingue parlate oggi nel mondo sarà scomparsa. Un’altra spedizione per approfondire la conoscenza della lingua Koro è prevista per il prossimo novembre.