• blog
  • mercoledì 21 luglio 2010

Libri che non lo erano

Ieri abbiamo scritto in un post-it che “Amazon vende ormai più e-books che books”, riprendendo l’annuncio di Amazon che ci sembrava interessante ma non degno di particolari ulteriori approfondimenti. Siamo stati comunque sbadati, perché il dettaglio della comunicazione spiegava che all’ultimo giro Amazon ha venduto più libri elettronici che libri rilegati, escludendo quindi dal conteggio i tascabili e le altre edizioni non rilegate (hardcover). La notizia – ancora interessante – perdeva moltissimo del suo senso di “pietra miliare”, e il nostro titolo leggero diventava complice dell’equivoca semplificazione.

Complicità che non ci sembrava comunque rilevantissima, ma dopo aver visto i titoli in prima pagina sui quotidiani italiani di oggi (“L’e-book supera il libro”), abbiamo pensato che un minimo di precisazione doveva trovare spazio da qualche parte, qui.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.