L’illusionista di Tati

L'autore di Appuntamento a Belleville ha fatto un nuovo film d'animazione con una storia scritta da Jacques Tati

"L'illusionista" parla di un prestigiatore la cui arte è messa in crisi dall'arrivo del rock'n'roll

di Francesca Barca

Sette anni dopo Appuntamento a Belleville (Les Triplettes de Belleville, Premio Oscar nel 2004) Sylvain Chomet torna al cinema. E ci torna nel momento del 3D con un film fatto a mano, basato su una storia scritta negli anni Cinquanta da uno dei più grandi mimi e rappresentanti del cinema “quasi muto” francese, Jacquet Tati: quello di “Mio zio”. L’opera, che il regista morto nel 1982 non aveva mai messo in scena, è stata proposta a Chomet dalla stessa figlia di Tati, Sophie Tatischeff, commossa dall’omaggio che Chomet aveva già fatto al padre in Appuntamento a Belleville, dove erano mostrati i manifesti dei suoi film.
Se già si conosce Tati, L’Illusionista risulterà un film fatto con amore. Un film delicato, elegante, aggraziato. E un po’ goffo. Come lo era Jacques Tati e come lo era Monsieur Hulot, il suo personaggio. Un omaggio fatto con grande rispetto che rispecchia la poetica, la recitazione, e la fisicità di Tati.
Il film è la storia un illusionista, un mago di quelli “con il coniglio che esce dal cappello”, che vede come la sua arte un po’ alla volta perda attenzione, in un’epoca in cui il nuovo – in questo caso il rock’n’roll – che ha un altro ritmo, un’altra velocità e che porta con sé un altro mondo, arriva e ne prende il posto sulle scene. I personaggi sono quelli di Chomet, goffi e tristi, con corpi asimmetrici e strane anomalie. Rappresentanti, anche loro, della crisi che travolge l’Illusionista: trapezisti, ventriloqui e, ovviamente, un clown depresso e alcolizzato. Retorica? Sicuramente, ma la retorica è anche grande atto di omaggio.
L’illusionista quindi parte e lascia Parigi per andare dove modestamente lo ingaggiano per i suoi spettacoli, che si tratti di un teatro a Londra o di un pub in Scozia. E parte con la sua valigia e il suo coniglio in una gabbia. E poi fa un incontro con una ragazzina, che lo costringerà a cambiare vita e a fermarsi un attimo di più a Edimburgo (era Praga nello script originale) per farle credere che la magia esiste. Il gioco non reggerà molto e il mago sarà costretto a lasciar perdere quel sogno.
Il film è quasi muto: i pochi dialoghi sono dati da qualche parola in francese, una lingua inventata che somiglia all’inglese e al gaelico, e la musica che Chomet stesso ha scritto. Un film realizzato “a mano”: se in Appuntamento a Belleville ci sono 1400 piani, in L’Illusionista solo 400: che quasi quasi si può quasi parlare di “teatro filmato”. E il 3D? C’è, ma è usato con estrema parsimonia per i grandi piani del cielo e degli edifici.

L’Illusionista è una sceneggiatura che risale agli anni Cinquanta. Pare che Tati non l’avesse realizzata perché non si ci riconosceva e perché non avrebbe potuto interpretarla lui stesso: aveva mani enormi ed era estremamente goffo, al punto che rompeva continuamente oggetti. L’opera era dedicata a sua figlia Sophie, che è morta poco dopo aver preso accordi con Chomet per la realizzazione del film. Un articolo dell’Observer dello scorso gennaio ha fatto però scoppiare una polemica: Helga Marie-Jeanne Schiel – figlia che Tati ebbe con una ballerina austriaca a Parigi negli anni Trenta per scappare all’Anschluss e che il regista rifiutò di riconoscere – dice che il film era dedicato a lei, estrema testimonianza della vergogna che Tati provava per quella vicenda e che Chomet avrebbe volutamente cancellato dal film.
L’illusionista è stato presentato al Festival Internazionale del cinema d’animazione a Annency ed è uscito in Francia e Gran Bretagna il 16 giugno. In Italia dovrebbe arrivare a settembre distribuito dalla Sacher Film.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.