• Mondo
  • mercoledì 28 aprile 2010

Brown a microfono aperto: “È un’intollerante che votava laburista”

La signora gli aveva chiesto chiarimento sulla sua politica su crimine e immigrazione

Il premier si è poi scusato chiamando la donna di persona

Se voleva complicarsi ancora di più la vita in vista delle elezioni, Gordon Brown ci è riuscito. Gillian Duffyk, una 65enne elettrice laburista da una vita, gli si è avvicinata per chiedere chiarimenti sulla sua politica su crimine e immigrazione. Dopo averle risposto sbrigativamente, il premier è entrato in auto e, senza accorgersi di avere ancora il microfono aperto addosso, ha commentato:

È stato un disastro. Non avrebbero dovuto mettermi con quella donna. Di chi è stata l’idea? È ridicolo… È un’intollerante che votava laburista. Davvero, è ridicolo. Non so perché Sue l’abbia fatta avvicinare.

La donna si è decisamente arrabbiata per le parole di Brown.

Dovrebbe essere il leader del paese, una donna gli chiede cose che la maggior parte della gente gli chiederebbe… Lui sta per tassare, tassare e tassare per altri vent’anni per salvarsi dal debito pubblico, e chiama me bigotta.

Durante un’intervista a BBC Radio 2 Brown ha ascoltato la registrazione e si è immediatamente scusato, giustificandosi con la concitazione del momento e lo stress del dover correre da un posto all’altro. Ha poi chiamato di persona la donna, chiedendole scuse e assicurando di non pensare davvero ciò che ha detto.

È difficile credere che queste scuse abbiano sortito l’effetto desiderato. Anche perché ai conservatori è bastato poco per commentare la vicenda:

Le frasi di Brown parlano da sole.

https://www.youtube.com/watch?v=TbhPWAMx2y0
Gordon Brown sale in auto e dà dell’intollerante alla signora.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.