Più minitasse per tutti

Su Friendfeed le parodie: nasce il meme minitassa

Alla proposta di ieri della Federazione degli editori dei giornali di creare una “tassa su internet” per aiutare le aziende editoriali in un momento di dfficoltà si poteva reagire in due modi. Dandole ampio spazio sopravvalutandone (1) la sensatezza e (2) la plausibilità, o ignorandola aspettando che dopo 24 ore la sua carcassa fosse rimossa dal dibattito sul futuro dell’informazione. Molti giornali hanno adottato la prima linea, altri la seconda. Anche in rete c’è chi ha ritenuto comunque di discuterla, pur criticandola, e chi l’ha ignorata.

Poi ieri sera qualcuno si è inventato una terza via nella trattazione della proposta. Sfotterla. E su FriendFeed dopo i primi esempi, crescono le parodie della proposta FIEG: che se nel frattempo era prevedibilmente defunta, acquista adesso nuova memorabile vita, e diventa monito per simili sventatezze future.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.