La Lego premia Negroponte e il suo computer da 100 dollari

Il premio, di 100.000 dollari, va a Negroponte per il suo progetto One Laptop Per Child

L'informatico si sta impegnando da tempo per portare un computer tra le mani di tutti i bambini

La Lego, forse l’azienda più famosa al mondo di giocattoli per bambini, consegna l’annuale Lego Award a Nicholas Negroponte, forse il creatore del computer per bambini più famoso al mondo. Ha senso.

I 100.000 dollari del premio indetto nell’85 dall’azienda danese andranno a Negroponte per la sua organizzazione no-profit OLPC, One Laptop Per Child, nata per supervisionare lo sviluppo del progetto del computer da 100 dollari. La fondazione è stata creata insieme ad altri enormi della tecnologia come Google con l’obiettivo di dare a ogni bambino, anche e soprattutto nei paesi in via di sviluppo, la possibilità di avere un computer e di conseguenza accedere a conoscenze e tecniche educative moderne. Come riporta Wikipedia, nel 2007 l’organizzazione ha confermato di aver inviato un primo ordine di un milione di computer da 130 dollari diretto verso Argentina, Brasile, Libia, Nigeria, Ruanda, Thailandia e Uruguay.

“I bambini guardano al mondo con occhi aperti, senza costrizioni arrivate dal passato, e vogliono sapere i se e i perché delle cose. Dando loro la possibilità di imparare, OLPC crea nuove possibilità, e la speranza di un futuro migliore per il mondo.” ha dichiarato Kjeld Kirk Kristiansen, il proprietario di Lego.

È da lungo tempo — 26 anni — che il gruppo Lego collabora con Negroponte. L’azienda è stata uno dei primi sponsor di MediaLab, uno dei laboratori più prestigiosi del mondo, che Negroponte fondò nel 1985. “Andare a Copenaghen a prendere il premio sarà più o meno come stare in famiglia.”, ha detto l’informatico.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.