Paulo Coelho scritto piccolo

L’Alchimista (“O Alquimista”, in portoghese) è probabilmente il libro più famoso di Paulo Coelho. Fu pubblicato per la prima volta nel 1988 ed è stato successivamente tradotto in 56 lingue e ha venduto oltre 100 milioni di copie in più di 150 nazioni. Lunedì scorso le circa 175 pagine dell’edizione originale in portoghese sono state condensate in due pagine sole, scritte con un carattere minuscolo e pubblicate sul giornale brasiliano “Metro” (ma anche su dei pannelli alle fermate degli autobus) per celebrare un recente ed importante traguardo raggiunto dal libro, come spiega l’unica parte del testo leggibile senza una lente d’ingrandimento: “L’Alchimista è da sette anni tra i bestseller del New York Times, grazie ai 70 milioni di persone che hanno letto il libro. Se non sei uno di loro, leggi questo annuncio”.

Se vi piace Paulo Coelho, probabilmente apprezzerete anche questa campagna realizzata per lui da Loducca (vi ricordate di Dani Alves, il giocatore del Barcellona, e di quella banana raccolta e mangiata in campo “per sbeffeggiare il razzismo”? Ecco, anche quella era una loro trovata pubblicitaria), un bell’esempio di marketing applicato alla cultura che racconta un pezzetto – piccolo, certo – di un’altra visione dei criteri con cui possono essere promossi e diffusi i libri, criteri che non sarebbe affatto male se fossero presi ad esempio più spesso.

Se invece Coelho lo detestate, allora vi torna buono invece quello che scriveva Chuck Palahniuk in Fight Club, anche se probabilmente non era ai libri che pensava:

«La pubblicità ci fa inseguire le macchine e i vestiti, fare lavori che odiamo per comprare cazzate che non ci servono»

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.