Il replicometro

È interessante il fatto che le iniziative delle sardine abbiano creato tanto panico nel fronte e nella comunicazione salviniana, generando un’immediata pioggia di sputi, pernacchie e indignazione.
Nel mio piccolo, ho dovuto impiegare del tempo sui social a bloccare utenti incazzati e cancellarne i messaggi in coda alle mie vignette su Salvini e sardine.
In genere non rispondo. Bile e lunghi litigi nei commenti sono di una tristezza senza fine.
Battibeccare non mi piace: finisco per continuare a ripensarci e ho sempre la sensazione d’essermi fatto fregare, dedicando inutilmente del tempo alla tifoseria sovranista.
Ho sempre pensato che discutere con uno che viene sul tuo account a trollare o a roteare il pene sia utile e sensato quanto mettersi a sgridare i piccioni di piazza Duomo per il guano prodotto.
O forse, in alternativa, una soluzione interessante potrebbe essere quella statistica. Blocchi subito l’utente, ma replichi allegando un’apposita scheda con una crocetta sulla categoria adatta.

– Luca Sofri: I tweet che non scrissi

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.