Quelle leggi speciali per internet di cui non si sente proprio il bisogno

La Stampa – Stretta su web e caporalato E nel piano Kyenge anche scuole d’italiano per migranti. (30 luglio)

Il piano anti razzismo che la ministra dell’Integrazione Cécile Kyenge presenta oggi segna una cesura culturale…

Infine, il capitolo sicurezza, con il potenziamento della legge Mancino. In particolare, la stretta dovrebbe riguardare l’uso di Internet per la propagazione virale di odio razziale e istigazione alle discriminazioni.

servono leggi speciali per internet ?

Cantù: Kyenge in Consiglio comunale, i leghisti lasciano l’aula – Il Fatto Quotidiano. (29 luglio)

A Verona, intanto, la Digos ha perquisito l’abitazione di un veronese di 61 anni, che su un profilo Facebook lo scorso venerdì 26 luglio aveva postato un minaccioso messaggio in cui ci si dichiarava pronto “ad accogliere la Ministra negra con le armi”.

…Gli accertamenti svolti dalla Digos hanno permesso di individuare chi aveva lanciato in rete le minacce. La persona si è giustificata mettendole in relazione a un recente furto in abitazione che avrebbe subito da cittadini extracomunitari, ed è stato denunciato in stato di libertà per diffamazione e minacce pluriaggravate, anche dalla discriminazione razziale.

lascia supporre che la Digos sia intervenuta al massimo il 28 luglio (solo due giorni dopo), dato che Il Fatto pubblica questo articolo il 29

vedremo il testo.

mi preoccupa non poco che sull’onda di una giusta indignazione per una grave offesa subita si possano prendere iniziative censorie che i fatti dimostrano non necessarie.