Andare a teatro gratis, e quasi gratis

Mentre per il cinema è abbastanza facile capire cosa andare a vedere, grazie ai voti di IMDb, è più complicato districarsi nell’infinita offerta teatrale romana, tra spettacoli troppo commerciali o troppo sperimentali. Tutto fa esperienza, ma nel lungo periodo il rischio è quello di perder soldi. Ci sono però fondamentalmente due modi per andare a teatro spendendo niente, o poco.

Cominciamo da quello gratis, e forse meno noto. Ogni giorno su Ecoradio (FM 88.3 o in streaming dal sito) c’è il momento Ve ce mannamo, dove vengono messi in palio dei biglietti nel programma in onda dalle 13 alle 15. Non per tutti gli spettacoli, ma di solito per due o tre selezionati.

Basta rispondere a una semplice domanda, ma che più spesso è un sondaggio, insomma poca cosa. Attualmente sono in rotazione l’ottimo Confessioni di una mente criminale al Belli (Trastevere) e Il caso Majorana al Vittoria (Testaccio).

L’altro modo ha un’offerta decisamente più vasta, però tocca pagare. In realtà poco o molto poco, a seconda. È il Last Minute, che nelle due sedi di via Bari e l.go Corrado Ricci dispensa dal martedì alla domenica biglietti in vendita per il giorno stesso. La piccola scocciatura è che bisogna andare lì, e andarci il giorno stesso, ma come detto l’offerta è ampia e insomma vale la pena.

Foto: teatrolimpico