Peanuts d’altri

Sabato è stato un giorno speciale: si è celebrato il 60° anniversario di uno dei più celebri fumetti di sempre, i Peanuts di Charles Schulz. Ho chiesto aiuto a un quintetto di fumettisti – rigorosamente italiani – che mi sembrano tra i più convinti e abili autori di strisce (umoristiche), quella grammatica che i Peanuts hanno elevato da mero standard produttivo a incarnazione della sintesi espressiva nel fumetto.


Eriadan, blogger della prima ora, è forse il più noto fumettista-blogger italiano. Il suo prossimo libro è Eriadan 8. Bianco e nero a colori, edito da Shockdom, in uscita a novembre e in anteprima durante il prossimo Salone Lucca Comics & Games.


Giacomo Nanni, autore dell’articolato progetto di strip Cronachette, e da qualche settimana presente sul Post con una serie di strisce dedicate a fatti di cronaca, sta ultimando il suo nuovo graphic novel. Si intitola La vera storia di Lara Canepa, ed è di imminente pubblicazione per Coconino Press.

Tuono Pettinato, già autore di strip come I suberoi e I Ricattacchiotti, sta per pubblicare la biografia Garibaldi. Resoconto veritiero delle sue valorose imprese, ad uso delle giovani menti, edita da Rizzoli Lizard e anch’essa in anteprima presso l’imminente Lucca Comics & Games.

Flaviano Armentaro ha pubblicato diversi “fumetti in verticale” per il webmagazine Coreingrapho, ed è tra gli animatori del sito web di satira Mamma!. Un suo nuovo racconto è in uscita sul prossimo numero della rivista Canemucco, il n.4.


Pierz, castigatore dell’imbecillità su Facebook con lo spietato blog Facebookkini, è anche l’autore della cult-strip Ravioli Uèstern. Il suo libro più recente è Ravioli Uèstern 2, pubblicato da Nicola Pesce Editore.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.