Dove I. esce in libreria.

Ieri è uscito con la casa editrice Nottetempo il mio libro illustrato “I.”. Come alcuni di voi sapranno, si tratta del fumetto che ho parzialmente pubblicato ad episodi qua sul il Post.

La copertina di I.

Questa la presentazione “ufficiale”:

“I. è un personaggio che cerca la sua identità in una serie di tavole illustrate, nelle quali si può identificare con questo e con quello, avere ogni età e ogni genere, essere qui e ovunque, prendere figura e ricredersi, portandoci in un viaggio fra illustrazioni bellissime e diversissime, e trasformandole sotto ai nostri occhi con la sua sola presenza. Alla fine, chi è I., che cerca, ama, incontra, odia, sogna, passeggia, inventa, studia, combatte, come se ogni figura rispondesse alla domanda che via via si ripone? Ebbene, alla fine la risposta c’è, o forse due, o forse no… Le immagini utilizzate sono di pubblico dominio, o sotto una licenza creative commons, montate e talvolta modificate. Il risultato è un ibrido fra ready-made e collage, una creazione continua, un’avventura che di tavola in tavola rinnova la sorpresa e l’incanto. Un’immaginazione comica e sapienziale tra la narrativa e la filosofia.”

Sono andato in libreria per vedere se esiste davvero. Esiste.

Non posso che ringraziare voi lettori e la redazione del Post per il prezioso supporto e l’inspiegabile fiducia nello sviluppo di questo bizzarro progetto. Qua potete leggere i primi dieci episodi. Mentre se volete sapere come prosegue la storia, ed offrirmi un pessimo caffè tedesco (1,54 €, mi resta anche una mancia di 4 cents), non posso che invitarvi ad acquistarne una copia, è disponibile in (quasi) tutte le librerie, oppure online.

Qualora passiate da Firenze verso il 2 Dicembre infine, siete invitati alla prima presentazione del libro, che si terrà presso la libreria La Citè.

Quello è il mio pollice

 

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.