Il trailer italiano di “Un sogno chiamato Florida”

Il trailer italiano di "Un sogno chiamato Florida"

Un sogno chiamato Florida (titolo originale: The Florida Project) è un film prodotto da A24, una casa di produzione indipendente che fa tanti horror e commedie amare (o drammi che fanno anche ridere). Il film è una commedia amara ed è uscito negli Stati Uniti da diversi mesi; arriverà in Italia il 29 marzo e ne è uscito solo ora il trailer italiano. È piaciuto molto ai critici: in particolare per la storia che racconta, per la recitazione e per la fotografia.

Il film è ambientato a Orlando, in Florida, e parla di alcuni bambini che «trascorrono le vacanze estive con quello spirito di possibilità e quel senso di avventura tipici dell’infanzia, mentre gli adulti intorno a loro attraversano tempi difficili. Hanno circa sei anni e riescono ancora a trasformare una realtà fatta di fast food, trash televisivo e quotidiana miseria in un’avventura». Nel film c’è anche Willem Dafoe: è candidato all’Oscar per il Miglior attore non protagonista ed è il gestore di un motel molto rosa in cui vivono i bambini protagonisti e tanti altri bizzarri personaggi.

– È solo l’inizio dell’estate e ho già trovato un pesce morto in piscina.
– Cercavamo di farlo resuscitare.

Il trailer in lingua originale

Le due mascotte ufficiali delle Olimpiadi di Tokyo 2020, molto giapponesi

Le due mascotte ufficiali delle Olimpiadi di Tokyo 2020, molto giapponesi

Gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo 2020 hanno presentato oggi le due mascotte ufficiali dei Giochi, votate da una lista di tre proposte dai bambini di tutte le scuole elementari giapponesi. Le mascotte sono due personaggi che indossano abiti che richiamano alla tradizione giapponese: uno con un motivo a scacchi blu, l’altro rosa a tema di fiori di ciliegio, ha scritto il Japan Times.

Il disegnatore Ryo Taniguchi e le due mascotte ufficiali delle Olimpiadi di Tokyo 2020 (TORU YAMANAKA/AFP/Getty Images)

Yoshiko Ikoma, vice capo del gruppo incaricato di organizzare la selezione delle mascotte di Tokyo 2020, ha detto: «Questi disegni incarnano la tradizione, il futuro, la bellezza e la raffinatezza e credo che rappresentino perfettamente il Giappone di oggi». Le mascotte sono state realizzate dal disegnatore e illustratore giapponese Ryo Taniguchi.

Un insegnante del Ghana insegna Word disegnandolo alla lavagna

Un insegnante del Ghana insegna Word disegnandolo alla lavagna

Negli scorsi giorni tra gli utenti africani dei social network si sono diffuse le fotografie di Richard Appiah Akoto, un insegnante di informatica della Betenase M/A Junior High School di Sekyedomase, in una zona rurale del Ghana, che per spiegare come funziona Microsoft Word ha dovuto disegnarlo alla lavagna. Nella scuola infatti non ci sono computer, ma gli studenti di 14 e 15 anni devono comunque sapere come si usano i programmi informatici di base per passare un esame nazionale – istituito nel 2011 – che consente la promozione nelle classi superiori.

Teaching of ICT in Ghana's school is very funny. ICT on the board paa. I love ma students so have to do wat will make…

Posted by Owura Kwadwo Hottish on Donnerstag, 15. Februar 2018

Le fotografie si sono diffuse dopo che un famoso comico ghanese – che è anche un insegnante – le ha condivise su Facebook. Molte persone le hanno interpretate come un modo spiritoso di descrivere la vita in Africa, altre ne sono state ispirate: è il caso dell’imprenditrice camerunense Rebecca Enonchong, che su Twitter ha chiesto a Microsoft di aiutare Akoto. L’account Microsoft Africa ha risposto promettendo di regalare un computer all’insegnante, che però ha fatto notare che gliene servirebbero 50 per insegnare bene agli studenti della sua scuola come si usano i programmi Microsoft. Lui possiede un computer portatile personale, ma non lo usa in classe perché ha installato versioni dei programmi diverse rispetto a quelle che gli studenti devono imparare a conoscere: le domande dell’esame non sono mai state aggiornate dal 2011.

Nuovo Flash